29/09/2019 TERZA RANDONEE’ LA VIA DEL GRANO.
Forse il rinvio di questa edizione in programma in prima data l’8 settembre scorso non e’ stato un semplice contrattempo, forse il fato ha voluto proprio questo e che il Rando Tour Campano 2019 si chiudesse proprio con questa Rando, “LA VIA DEL GRANO” dove LA VIA sta ad indicare il percorso intrapreso dai randonneurs che hanno creduto fin da subito in questo progetto e attraverso il quale hanno potuto coltivare i loro sogni, vivere la loro passione, vincere le loro sfide, confrontarsi, fare nuove amicizie, conoscere ancor di piu’ il territorio che la nostra splendida regione offre, un territorio troppo spesso martoriato dall’opinione pubblica sempre pronta a puntare i dito sui problemi, sulle mancanze e sempre meno ad esaltare le sue bellezze, le sue tradizioni, la sua cultura, la sua civilta’. La via Via del Grano ci ha portati con le nostre bici a pedalare in due regioni, Campania e Basilicata, in tre province, Salerno, Avellino, Potenza, con paesaggi sempre vari e con terre a distesa d’occhio eppoi vigneti, foreste, salite per tutti i gusti, dalla lunghissima salita che ci ha portati al valico del Carruozzo a quota 1200 mt slm alla salita per Valva, sicuramente il tratto piu’ duro della rando, una salita a dossi alterni che con un paragone metaforico la potremmo paragonare al corteggiamento di una bella donna, appena ti da la vaga idea che ci stà e quindi e’ fatta, subito il muro al 12% che ti ammazza ma dopo tanti pali, un vero corteggiatore non molla e alla fine raggiunge la sua preda. La via del Grano e’ stato anche momento di riflessione, si sono attraversati i territori martoriati dal sisma del 1980, e ancora oggi con grande tristezza e stupore, diversi residenti abitano ancora in cassette in legno e container, calpestati nella propria dignità. La Rando del grano per me poi ha sancito la fine del mio percorso randonèe 2019, un percorso che mi ha insegnato tanto, mi ha dato tanto attraverso un anno intenso, combattuto a tratti stressante ma che mi ha consentito di essere piu’ forte, piu’ consapevole delle mie capacità e potenzialità, un percorso che mi ha arricchito umanamente. Un percorso di randonee iniziato a casa di Partenope, nello splendido scenario delle piazze e le strade del capoluogo Campano e terminato come detto con la “Via del Grano” la strada voluta da Ferdinando IV di Borbone. 3500 km fatti, pedalato in 2 regioni, Campania e Puglia sconfinando anche in Molise e Basilicata, le 5 province della Campania visitando i loro siti Reali, un percorso di 13 brevetti, 8 da 200 km , 2 da 200 km EXTREME, 1 da 300 km, 1 da 400 km, 1 da 600 km. È stato un percorso fatto di mare e monti affrontando vento, pioggia e afa, mille emozioni, sfide, momenti difficili, nuove amicizie, tanti compagni di viaggio, natura, tradizioni, prelibatezze culinarie, panorami mozzafiato, un percorso che mi ha portato ad entrare di diritto nella nazionale italiana randonneurs per il quadriennio 2019/2022, un percorso che mi ha catapultato nella Top 40 dei randonneurs italiani del 2019, un percorso che rifarei altre 1000 volte, un percorso che è appena terminato e già mi manca.