GRUPPO DI LAVORO

Chi c’è dietro il Randotour e di cosa si occupa

GIUSEPPE GALLINA

COORDINATORE

Giuseppe è il primum movens, l’iniziatore, colui che intravide il progetto. Grande architetto, organizzatore, solitario viaggiatore, egli disegna mondi, strategie, calendari possibili. Quando disegna i percorsi bisogna preoccuparsi: in questo caso, dà il meglio di sé, facendoti attraversare passaggi impossibili, salite a due cifre, discese vertiginose. Ha grande generosità e capacità organizzative non comuni. Dobbiamo a lui l’invenzione del Rando Tour Campania, il Rando Tour Magna Grecia. La sua capacità visionaria è outstanding.

PAOLO LANDRI

RESPONSABILE COMUNICAZIONE

Paolo, detto il Prof, disegna le strategie comunicative, costruisce la programmazione dei post. Sviluppa le sue analisi, sempre in bilico tra sogno e realtà. Rischia di cadere ogni volta dalla bici, perchè è immerso nei suoi pensieri. Di mestiere fa il ricercatore del CNR. Si è fatto convincere da Giuseppe Gallina ad aprire il campo di ricerca Bike & society. Di solito è mite, ma se si incavola, diventa antipatico. Pedala con i Faccebike, un gruppo di ‘freaks’ in sella. Ama cantare in bici vecchie canzoni di cui spesso non ricorda le parole.

DAVIDE TORTORELLA

TESORIERE

Davide, il Motivatore. Pedala con gli Iron Bikers, una squadra votata all’impegno e allo sport. Ne costituisce l’architettura portante. Di recente, è dimagrito, ma non è ancora nel suo peso forma. Di solito, dà il meglio di sè, sportivamente parlando durante la primavera, quando entra in condizione. E’ una persona molto precisa, il suo contributo in termine di partecipazione al Rando Tour Campania è fondamentale. Trascorre le sue estati in terra calabra, dove coltiva un gruppo di scalmanati in sella che ama le altimetrie tra mari e monti.

LUIGI PAGLIUCA

GRAFICA & SOCIAL

Luigi il Mite. Tranquillo, sereno. Un uomo di sostanza. Un passista che misura chilometri e chilometri in lungo e in largo per l’Italia. Un architetto degli spazi, un curatore della grafica e del design. Sovrappone forme e colori ai ritmi del jazz. Ama la musica, pedala improvvisando su una pentatonica. Raramente, o quasi mai, lo abbiamo visto incavolarsi. Da questo punto di vista, un vero cavaliere. Lavora sui social network, contribuendo al feed dei post ed in particolare, delle previsioni del tempo per i randagi. Il suo scopo è convincere che si può andare in bici in (quasi) tutte le condizioni meteo.

FRANCESCO DI MATTEO

WEBMASTER & GRAFICA

Classe ’92, vicepresidente dell’Hard Bike, è un consulente per la pubblica amministrazione sul tema dei fondi europei, appassionato di grafica e di informatica. Francesco ha cominciato a pedalare nel 2015, stesso anno in cui poi ha conosciuto gli Hard Bike e grazie a loro si è tuffato nel mondo randagio, prima come ciclista e poi come organizzatore. Dal 2018 mette a disposizione delle ASD organizzatrici il suo tempo e le sue professionalità per cercare di migliorare per quanto possibile l’esperienza dei randagi lungo tutto il circuito.

GIUSEPPE VOLZONE

SOCIAL NETWORK & ORGANIZZAZIONE

Giuseppe il Tessitore. Discute con precisione, argomenta con attenzione. Un vero randagio che ebbe i natali a Napoli, di cui è innamorato follemente. Pedala con i Normanni, un’associazione solida con un progetto di lunga durata, molto ben articolato. Lavora sui social media e attento ai post, alle conversazioni. Non genera mai contenuti fuori posto: è proprio il perfetto ‘social moderator’. Il suo motto è ‘gutta cavat lapidem’. Non a caso riesce a far partecipare anche i più timorosi ad imprese randagie ai limiti dell’impossibile.

MARIANO RUSSO

CONSIGLIERE

Mariano è la storia dei randonneur in Campania. E’ detto il ‘prestigioso’. Non c’è impresa che non abbia compiuto. Non è possibile contare il numero di volte che ha partecipato alla Parigi-Brest-Parigi. Ha dedicato la sua vita alle due ruote, ricevendo enormi riconoscimenti. E’ un punto di riferimento per tutto il movimento.

GIANCARLO BENIVENTO

STORICO RANDONNEE

Giancarlo, il consigliere. Fornisce informazioni cruciali sulle Randonnée. Si muove di solito nell’area salernitana che conosce a menadito. Supporta in modo attento il lavoro del gruppo dei comunicatori, seguendone il dibattito e orientandone la direzione alla luce della storia del movimento in Campania e altrove. I suoi post sono una miniera di informazioni che il gruppo tiene sempre in considerazione.