Articolo pubblicato su Il Randagio

La stagione appena iniziata porta con sé l’apertura dell’avventura francese della Parigi – Brest – Parigi. La data fissata è ancora lontana, 19/24 agosto 2023, ma molti randagi italiani ci stanno già facendo un pensierino.

E non possiamo biasimarli, visto che la randonnée parigina è sinonimo di festa internazionale per gli appartenenti al nostro ambiente. Migliaia di randonneur provenienti da cinque continenti si daranno appuntamento alle porte di Parigi per pedalare insieme giorno e notte, fino a mettere alle spalle i 1.200 km che occorrono per attraversare la Bretagna avanti e indietro.

Esistono percorsi anche più affascinanti della PBP, ma la magia e l’atmosfera che si respirano in quei pochi giorni francesi sono uniche e irripetibili.

Jean Gualbert Faburel, referente ACP per i Brevet Randonneur Mondiaux, ci fa sapere che le regole di base saranno le stesse e che per ottenere l’iscrizione alla manifestazione è necessario portare a termine nei primi mesi del 2023 i quattro brevetti ACP classici: 200, 300, 400 e 600 km. Per ottenere il pettorale, tuttavia tutto ciò non basta.

Il numero chiuso (l’ultima volta era di 6.000 partecipanti) impone delle regole di selezione, che trovano ragione nelle PRE QUALIFICHE, ottenibili nel 2022. Se il meccanismo verrà confermato anche per la prossima edizione, l’apertura delle iscrizioni avverrà con diverse “finestre di ingresso”.

La prima finestra si aprirà a gennaio 2023 e sarà riservata a coloro che nel 2022 (cioè quest’anno!) avranno portato a termine con successo un brevetto ACP da 1.000 km oppure un brevetto BRM (over 1.200 km). Le nostre Sicilia No Stop e Alpi 4000, per esempio, rientrano in questa casistica e sono valide come prequalifiche per la Paris Brest Paris.

La seconda finestra si aprirà qualche settimana dopo e sarà ad uso esclusivo di chi ha conseguito un brevetto da 600 km nel 2022. Naturalmente si intende un brevetto ACP, indicato in giallo sul nostro portale. Ancora qualche settimana per aprire la terza finestra dedicata ai finisher di almeno una 400 km nella stagione odierna. Seguiranno allo stesso modo le finestre per le 300 e per le 200 km fino ad esaurimento dei posti disponibili. Si noti che nel 2019 molti che avevano all’attivo solo una 200 km dell’anno prima, sono rimasti esclusi dalla selezione.

Questo significa che se desideri partecipare alla PBP, è quasi d’obbligo conquistare un brevetto di prequalifica durante il 2022 che sia almeno di 300 km, ma sarebbe meglio anche superiore.

Riassumendo gli step per non perdere l’opportunità di essere a Parigi:

  1. nel corso del 2022 conquista un brevetto ACP di PRE-QUALIFICA, il più lungo possibile.
  2. Ad inizio 2023, effettua la PRE-ISCRIZIONE non appena si apre la finestra a cui hai diritto
  3. Nei primi mesi del 2023, effettua i 4 brevetti di QUALIFICA (200, 300, 400 e 600 km). Portandoli a termine ti verranno assegnati altrettanti codici di omologazione (pubblicati sul sito Ari)
  4. All’apertura delle iscrizioni ufficiali (maggio/giugno 2023), perfeziona la tua ISCRIZIONE indicando i codici di omologazione dei tuoi quattro brevetti.

Non è ancora stata definita la sede di partenza, ma con ogni probabilità verrà confermata la tenuta di Rambuillet, nei pressi del bellissimo castello e all’interno del parco.

Anche questa volta la compagine azzurra sarà organizzata con Casa Italia, che costituisce un punto di riferimento per i colori nostrani. Saremo presenti presumibilmente con uno stand all’interno del parco per dare informazioni e assistenza ai nostri ciclisti. Sarà il luogo dove ritrovarci, preparare l’avventura e far conoscere agli stranieri le nostre randonnée.

Sempre Faburel ci informa che anche questa volta, l’organizzazione della Parigi Brest non effettuerà il servizio di Bag Drop per i partecipanti. E anche questa volta, Casa Italia metterà a disposizione questo servizio riservato ai soli soci Ari. È ancora tutto da organizzare, ma probabilmente seguiremo le linee guida delle edizioni precedenti, inviando un team sul percorso (ancora a Quedillac?), che farà assistenza ai nostri soci che aderiranno al servizio.

Queste sono le ancora poche informazioni che siamo riusciti a reperire, ma mi pare chiaro che l’avventura sia già iniziata!!